VIDEOGIOCHI

Riguardo ai videogiochi, la prima distinzione che dobbiamo fare è tra consolle fisse e portatili. A questo proposito è importante fare una considerazione: quando il bambino gioca con la consolle fissa è lui che va dal gioco, ma quando gioca con la consolle portatile è il gioco che segue il bambino; con le consolle portatili si può creare una forte dipendenza per il bambino, perché ha la possibilità di portare con se il gioco ovunque vada: capita di vedere bambini in pizzeria che, con una mano mangiano le patatine, con l'altra giocano con la consolle portatile.
Altra considerazione: le consolle portatili hanno uno schermo ovviamente molto più piccolo rispetto alle tv: schermi così piccoli, alla lunga, sollecitano molto di più gli occhi del bambino durante il gioco, rispetto a schermi più grandi e luminosi.
Riguardo al tipo di gioco, bisognerebbe fare molta attenzione quando si decida di acquistarne uno. I videogiochi non sono tutti uguali: ci sono i giochi di ruolo, quelli di squadra, quelli di logica, quelli educativi, quelli di guerra o di azione, e molti altri. Giocare un'ora con il calcio, non è la stessa cosa di un'ora di gioco con la guerra (se si può definire gioco...); giocare un'ora con la Formula Uno non è come giocare un'ora a scacchi. Ogni tipologia di gioco sottopone il bambino ad uno "stress" psicofisico molto differente, a seconda del gioco usato: questa "pressione" rischia alla lunga di creare problemi nella crescita psicofisica del bambino, oltre a creare problemi di dipendenza. E' stato anche verificato in maniera scientifica che molto tempo passato davanti al videogioco prima di andare a letto influisce molto negativamente sul sonno dei piccoli, con ovvie ripercussioni sulla giornata seguente in termini di attenzione e concentrazione.
Quando si acquista un video gioco bisogna controllare sulla confezione i dati riguardanti l'età consigliata ed il livello di violenza del gioco, che in genere sono sempre indicati sul retro della scatola.
In conclusione, bisogna sicuramente limitare il tempo dei figli davanti ai videogiochi, incoraggiandoli a cimentarsi nei giochi di squadra, quelli veri, con i giocatori che puoi guardare negli occhi: questo si, è un gioco che li aiuterà a crescere, sicuramente.


NOI Tolentino - Oratorio Don Bosco - www.noitolentino.it